Categoria: Indici di Borsa

Indici di borsa: il CAC 40 francese in breve

2 Comments
borsa_francia_cac_40_indice

Creato nel 1987, il CAC 40 è il principale indice azionario della borsa di Parigi. La sua prima quotazione fu decisa il 31 dicembre 1987, ma entrò in vigore il 15 giugno 1988.

CAC 40 nel dettaglio

CAC 40 (Cotation Assistée en Continu) significa che il suo valore varia continuamente ogni giorno lavorativo dalle 9:00 alle 17:30. 40 perché é costituito da 40 valori (società). È aggiornato ogni 15 secondi.

L’indice del mercato azionario francese tiene traccia dei 40 maggiori titoli francesi  sulla borsa di Parigi. I criteri utilizzati sono di due tipi: il volume delle transazioni nelle azioni della società e la rappresentatività dei segmenti di business.

Il CAC 40 è utilizzato come punto di riferimento per investire fondi nel mercato azionario francese e dà anche un’idea generale della direzione della Borsa di Parigi. Il CAC 40 è simile al Dow Jones Industrial Average in quanto è l’indice più comunemente utilizzato e rappresenta il livello generale e la direzione del mercato in Francia.

Sono disponibili due versioni di CAC 40. Uno è il CAC 40 GR (reddito totale lordo), con dividendi lordi reinvestiti, cioè al lordo delle imposte e il CAC 40 NR (reddito netto totale), con dividendi netti reinvestiti.

Le società del CAC 40

Company Sector Ticker
Accor hotels EPA:AC
Air Liquide commodity chemicals EPA:AI
Airbus aerospace EPA:AIR
ArcelorMittal steel AMS:MT , NYSE:MT
Atos IT services
AXA full line insurance EPA:CS
BNP Paribas banks EPA:BNP
Bouygues heavy construction EPA:EN
Capgemini IT services EPA:CAP
Carrefour food retailers and wholesalers EPA:CA
Crédit Agricole banks EPA:ACA
Danone food products EPA:BN
Engie gas and electric utility EPA:ENGI
Essilor medical supplies EPA:EI
TechnipFMC Oil and Gas services
Kering retail business EPA:KER
Klépierre real estate EPA:LI
L’Oréal personal products EPA:OR
LafargeHolcim building materials and fixtures VTX:LHN
Legrand electrical components and equipment EPA:LR
LVMH clothing and accessories EPA:MC
Michelin tires EPA:ML
Orange telecommunications NYSE:ORAN
Pernod Ricard distillers and vintners EPA:RI
Groupe PSA automobiles EPA:UG
Publicis media agencies EPA:PUB
Renault automobiles EPA:RNO
Safran aerospace and defence EPA:SAF
Saint-Gobain building materials and fixtures EPA:SGO
Sanofi pharmaceuticals NYSE:SNY
Schneider Electric electrical components and equipment EPA:SU
Société Générale banks EPA:GLE
Sodexo food services and facilities management EPA:SW
SOLVAY Chemicals
STMICROELECTRONICS Semiconductors
Total integrated oil and gas NYSE:TOT
Unibail-Rodamco real estate investment trusts AMS:UL
Valeo automotive supplier EPA:FR
Veolia water, waste, transport, energy EPA:VIE
Vinci heavy construction EPA:DG
Vivendi broadcasting and entertainment EPA:VIV

REDAZIONE BORSA DIVERSA

© Riproduzione riservata

Indici di Borsa: analizziamo il Dow Jones

No Comments
indici-di-borsa-dow-jones

Acquisendo una chiara comprensione di come vengono creati gli indici di borsa e di come si differenziano, sarete sulla buona strada per dare un senso ai movimenti quotidiani nel mercato azionario.

Qui analizziamo il principale indice di borsa in modo tale che la prossima volta che sentirete qualcuno fare riferimento alla borsa e ai suoi indici, avrete un’idea migliore di ciò che intendono.

Indici di borsa: Dow Jones

Il Dow Jones Industrial Average (DJIA) è uno degli indici più “anziani”, più conosciuto e più utilizzato al mondo. Comprende le azioni di 30 delle più grandi e più influenti società negli Stati Uniti.

E’ uno dei titoli più significativi negoziati sul New York Stock Exchange (NYSE) e sul NASDAQ. Il DJIA fu inventato da Charles Dow nel 1896. Definito spesso “il Dow”, il DJIA comprende società come General Electric Company, Walt Disney Company, Exxon Mobil Corporation e Microsoft Corporation.

Il DJIA è noto come indice ponderato in base al prezzo. Inizialmente è stato calcolato sommando il prezzo per azione delle azioni di ciascuna società nell’indice e dividendo questa somma in base al numero di società. Sfortunatamente, non è più così semplice da calcolare. Nel corso degli anni, le scissioni di azioni, gli spin-off e altri eventi hanno portato a cambiamenti nel divisore, rendendolo un numero molto piccolo (meno di 0,2).

Il DJIA rappresenta circa un quarto del valore dell’intera borsa degli Stati Uniti, ma una variazione percentuale nel Dow non dovrebbe essere interpretata come un’indicazione precisa che l’intero mercato è sceso dello stesso punto percentuale. Ciò è dovuto alla funzione ponderata in base al prezzo del Dow. Il problema di base è che una variazione di $ 1 nel prezzo di un titolo di $ 120 nell’indice avrà un effetto maggiore sul DJIA di una variazione di $ 1 nel prezzo di un titolo di $ 20, anche se le azioni più costose potrebbero essere cambiate solo 0,8% e l’altro 5%.

Un cambiamento nel Dow rappresenta cambiamenti nelle aspettative degli investitori sui guadagni e sui rischi delle grandi aziende. Poiché l’atteggiamento generale nei confronti delle azioni a larga capitalizzazione spesso differisce dall’atteggiamento nei confronti di titoli a bassa capitalizzazione, titoli internazionali o titoli tecnologici, il Dow non dovrebbe essere utilizzato per rappresentare il sentimento in altre aree del mercato. D’altra parte, poiché il Dow è composto da alcune delle società più note negli Stati Uniti, ampie oscillazioni in questo indice corrispondono generalmente al movimento dell’intero mercato, sebbene non necessariamente sulla stessa scala.

Come si comprano le azioni in borsa?

Se vuoi approfondire leggi anche: Borsa: quotazioni, azioni, titoli. Vi spieghiamo tutto

REDAZIONE BORSA DIVERSA

© Riproduzione riservata